Non ricordi
la tua password?
USER PASSWORD Ricordami INVIA Registrati
  • banner2
  • banner3
news ricette sport benessere
 Trova il tuo Sport
Quanti sport conosci? E di quanti avresti sempre voluto conoscere le regole, le curiosità e il regime alimentare più corretto per praticarli? Leggi qui tutte le interviste ai medici specialisti del Comitato Scientifico.
 
ALTRI SPORT
 

Corsa su ciaspole

Il Freeride

L'Orienteering

Lo Shiatsu

La Pallapugno

La Back School

Il Wakeboard

La Ginnastica Artistica

Lo Stretching

Antigravity Yoga

Lo Squash

Il Taekwondo

Il Dodgeball

Triathleta e mamma

L'Arrampicata

La Zumba Fitness

La Maratona

Mountain Bike

Il Softball

Hockey su ghiaccio

Short Track

Il Curling

Il CrossFit

Indoor Cycling e metodo MAC ITALIA®

Il Nordic Walking

Il Kitesurf

Il Frisbee

Il Green Volley

Il Beach Tennis

Il Tai Chi

Il Triathlon

Lo Sci alpino

Le Ciaspole

Il Pilates

Il Golf

Surf e Windsurf

La Vela

Il Parkour

L'allenamento della forza e il potenziamento muscolare (2^ parte)

L'allenamento della forza e il potenziamento muscolare (1^ parte)

Il Canottaggio

Il Rugby

Il Pattinaggio

Lo Snowboard

Lo Sci di fondo

La Pallavolo

La Pallacanestro

L'Acquagym

Le Bocce

Il Calcio

Il Nuoto

Il Tennis

La Bicicletta

 
 
  Mountain Bike

Intervista al campione Agostino Andreis
Una passione che parte da lontano, quella che anima Agostino Andreis, classe 1976, atleta di Tregnago, in Provincia di Verona. Già nel 1930 suo nonno disegna e costruisce telai in acciaio e le fornisce ai più importanti marchi della provincia. Il figlio Adriano, con dedizione, rafforza il legame tra la famiglia Andreis e la bicicletta, e gestisce il negozio di famiglia con dedizione e passione sino al 2002, anno in cui passa il testimone ad Agostino, omonimo del nonno e nostro campione. Una vita da ciclista quella di Agostino: sin dall'età di 10 anni corre su strada e sfiora il sogno del professionismo. Nel 2003 passa all'off road e da allora coniuga la passione per l'agonismo con quella per il proprio lavoro. Attualmente gareggia per il Team Olympia e rimane uno dei migliori bikers nazionali della mountain bike.

In che modo e a che età ti sei avvicinato alla Mountain Bike?
Abbastanza tardi e, in particolare, dopo aver fatto tutta la trafila della bici da strada... ho iniziato molto giovane e sono arrivato al professionismo dopo diverse e importanti vittorie tra i dilettanti e purtroppo, dopo aver firmato il contratto e con la stagione alle porte, la squadra con cui avevo firmato è fallita e mi sono trovato a piedi. La delusione mi ha portato, l'anno successivo, ad abbandonare quello che era stato, sino a quel momento, il mio lavoro. Allora ho preso in mano il negozio di biciclette di famiglia, che tutt'ora gestisco, e ho iniziato a conoscere il fantastico ambiente della mountain bike. Ho partecipato alla mia prima corsa nel 2002 e mi è scattata la scintilla per questo mondo per me nuovissimo, ma che si è prospettato estremamente stimolante. Da allora non ho più smesso di gareggiare.

Quale l’età giusta per cominciare?
Non esiste un'età giusta per cominciare...Tutti possono praticarla. Se però si prende in analisi l'aspetto agonistico, la mountain bike è una disciplina che richiede, oltre a doti atletiche simili a quelle richieste dal ciclismo su strada, anche doti tecniche che vanno allenate e costruite. Nell'età compresa tra i 10 e i 15 anni l'attività fisica deve essere interpretata prevalentemente come attività ludica. Premesso questo, un'ottima "palestra" per formare le basi di un futuro atleta è la bici da strada che, tra l'altro in Italia è molto ben strutturata a livello giovanile. Propedeutica e indispensabile per costruire la tecnica di guida necessaria alla mountain bike, invece, è il BMX, che tra l'altro rappresenta una disciplina stimolante per i bambini.

Quali sono le regole delle gare e le competizioni più importanti in Italia?
Esistono diverse discipline nella mountainbike di oggi e diverse ancora si stanno sviluppando. La mtb è uno sport "giovane" e proprio per questo segue le tendenze del momento. Queste le principali discipline: - Il Cross Country, chiamato anche XC, la disciplina in cui Paola Pezzo ha vinto 2 ori alle Olimpiadi. La gara si svolge su tracciati della lunghezza massima di 6 chilometri da ripetersi piu' volte.Questa disciplina è molto tecnica ed è seguita prevalentemente da un target di agonisti puri.
- Le Granfondo e le Marathon. Manifestazioni popolari come la Granfondo Tre Valli o la Lessinia Legend per citarne 2 tra le più importanti in Italia. L'aspetto agonistico passa in secondo piano per lasciare il posto all'aspetto ludico. Qui i partecipanti, che sono soprattutto semplici appassionati, superano le 2.000 unità e, devono percorrere un unico tragitto della lunghezza che va dai 40 agli oltre 100 chilometri.
- Il Superenduro. E' una disciplina in forte espansione in Europa. Associa l'aspetto cicloturistico delle granfondo all'aspetto agonistico dei cross country. Infatti si svolge su un tragitto dove vengono proposte prove cronometrate sulle queli viene stilata una classifica finale... tra una prova e l'altra il trasferimento è libvero e soggetto solo ad un tempo massimo.

Quale l’allenamento per prepararsi alla pratica?
Anche qui bisogna distinguere le due dimensioni: l'amatore o il semplice appassionato pratica la mountain bike per il semplice diletto e quindi meglio lasciar perdere programmi di allenamento, ripetute o altro. Un agonista, se vuole praticare la MTB per gareggiare, non puo' assolutamente prescindere da una pianificazione della propria stagione puntigliosa e costante...Ogni singola stagione viene progettata per sviluppare una particolare "caratteristica" che poi diventerà indispensabile nel periodo delle gare.

Quali i benefici sul fisico e sulla mente che si ricavano da questo sport?
Sicuramente per un professionista lo sport è un lavoro quindi con tutti i pro e i contro del caso. Nel momento in cui si svolge la mtb come attività del tempo libero, gli effetti benefici sono importanti. "Inforcare" la propria mountain bike dopo un'intensa giornata di lavoro e pedalare tra boschi e prati lontano dal traffico e dai pericoli, è un'attività di cui personalmente non potrei fare a meno.

Un commento sull’attività sportiva all’aria aperta...
Il commento mi piacerebbe sintetizzarlo con una singola parola: INDISPENSABILE!

news  |  ricette  |  sport  |  benessere
condizioni di utilizzo  |     |  le tue idee  |  segnala ad un amico  |  registrati  |  contattaci  |  concorsi
Testata Registrata presso il Tribunale di Bologna. Registrazione numero 8253 del 5 luglio 2012 - Direttore Responsabile: Erika Bertossi
© 2017 - Hero Italia S.p.A. - P.IVA 00226750230