Non ricordi
la tua password?
USER PASSWORD Ricordami INVIA Registrati
  • banner2
  • banner3
news ricette sport benessere
 Trova il tuo Sport
Quanti sport conosci? E di quanti avresti sempre voluto conoscere le regole, le curiosità e il regime alimentare più corretto per praticarli? Leggi qui tutte le interviste ai medici specialisti del Comitato Scientifico.
 
ALTRI SPORT
 

Corsa su ciaspole

Il Freeride

L'Orienteering

Lo Shiatsu

La Pallapugno

La Back School

Il Wakeboard

La Ginnastica Artistica

Lo Stretching

Antigravity Yoga

Lo Squash

Il Taekwondo

Il Dodgeball

Triathleta e mamma

L'Arrampicata

La Zumba Fitness

La Maratona

Mountain Bike

Il Softball

Hockey su ghiaccio

Short Track

Il Curling

Il CrossFit

Indoor Cycling e metodo MAC ITALIA®

Il Nordic Walking

Il Kitesurf

Il Frisbee

Il Green Volley

Il Beach Tennis

Il Tai Chi

Il Triathlon

Lo Sci alpino

Le Ciaspole

Il Pilates

Il Golf

Surf e Windsurf

La Vela

Il Parkour

L'allenamento della forza e il potenziamento muscolare (2^ parte)

L'allenamento della forza e il potenziamento muscolare (1^ parte)

Il Canottaggio

Il Rugby

Il Pattinaggio

Lo Snowboard

Lo Sci di fondo

La Pallavolo

La Pallacanestro

L'Acquagym

Le Bocce

Il Calcio

Il Nuoto

Il Tennis

La Bicicletta

 
 
  Il Dodgeball

Intervista al capitano Marco Camerani
Il dodgeball, letteralmente "palla schivata" è uno sport di squadra nato come evoluzione agonistica della comune palla prigioniera o palla avvelenata. Si gioca in sei contro sei, a inizio partita le 3 palle sono situate sulla linea di metà campo, in una zona neutra della larghezza di 1 metro denominata dead zone, mentre i giocatori sono fermi dietro la propria linea di fondocampo, pronti a partire al fischio dell'arbitro per conquistare il maggior numero di palle prima degli avversari. Conosciuto in Italia anche grazie alla commedia americana "Palle al Balzo" (2004), diretta da Rawson Marshall Thurber e interpretata da Ben Stiller, il Dodgeball si sta facendo strada e sono sempre più numerose le squadre che si iscrivono ai circa 20 tornei organizzati nel nostro Paese: a darci maggiori dettagli su questo nuovo sport è Marco Camerani, capitano della Nazionale italiana di Dodgeball e dei Ravenna Diablos.

Come e quando ti sei avvicinato al Dodgeball?
Era il novembre del 2008 ed è cominciato tutto nella mia scuola superiore di Ravenna, città dove tutt'ora il Dodgeball sta vedendo il maggiore successo di praticanti e competizioni. Il CSI proponeva il Campionato di Dodgeball: io e alcuni amici abbiamo deciso di iscriverci anche se non avevamo un'idea chiara di quello che stavamo per fare. Dopo poco abbiamo cominciato a fare sul serio.

Quali le caratteristiche fisiche che è necessario possedere per essere dei buoni giocatori?
Velocità esplosiva (non statica) per essere forti e precisi. E' necessario essere agili e avere una buona mira. Resta comunque uno sporta adatto a tutti e praticabile a tutte le età.

Quale, in breve, l'obiettivo del gioco e quali le caratteristiche del campo? La palla?
Lo scopo del Dodgeball è quello di eliminare tutti i giocatori della squadra avversaria, senza venire eliminati. Si gioca su un campo di 9 x 18 metri, le stesse misure del campo da pallavolo. La palla è sferica e non deve essere gonfiata troppo; deve avere un diametro compreso tra i 20 cm ed i 25 cm, preferibilmente in gomma butilica o espansa, di colore uniforme, preferibilmente giallo, rosso, rosa, arancione o di colore facilmente visibile, del peso tra i 200 e i 300 grammi.

Esistono dei ruoli nel Dodgeball? Quanti i giocatori?
Non esistono ruoli, necessaria la versatilità, bisogna saper fare tutto.

Come si svolge un incontro? Quali le regole principali?
Un "game" è una porzione di gara che va dal fischio iniziale dell'arbitro al fischio finale che ne sancisce la vittoria da parte di una squadra; perde il game la squadra i cui giocatori vengono eliminati dagli attacchi della squadra avversaria o per decisione arbitrale, ovvero che allo scadere del tempo massimo di durata di un game ha in campo il numero di giocatori più basso. Ogni game ha una durata massima di 8 minuti più eventuali tempi supplementari di 3 minuti. Ogni periodo di intervallo tra un game e l'altro ha una durata di 3 minuti. L'arbitro può altresì, per gravi motivi decidere il "forfait" del game, cioè la conclusione anticipata dello stesso, ai danni di una delle due squadre, dichiarando vincente l'altra. Il "match" (o "partita") è l'intera serie di games previsti per una gara di quella relativa categoria. Per vincere un match, una quadra deve aggiudicarsi il meglio (cioè la metà più uno) del numero dei games previsti per quel match. Ogni partita è giocata al meglio dei 3 games per la Categoria Esordienti (Under 11); al meglio dei 5 games per tutte le altre categorie giovanili ed la Categoria Senior; al meglio di 7 games per il resto del Settore Dilettanti e per il Settore Promozionale.

Lo start e la Dead Zone: come si dà il via al match?
Ogni squadra occupa, prima dell'inizio del match, una parte del campo di gioco. Spetta alla squadra che gioca in casa, la scelta di quale campo occupare; l'altra squadra occuperà la restante parte. Dopo che l'arbitro ha verificato che entrambe le squadre sono presenti sul campo e pronte per iniziare, pone, regolarmente distanziate le palle, in numero uguale ai giocatori previsti per quella attività (6 o 10) nella Dead Zone per iniziare l'incontro. Le due squadre sono schierate sulla linea di fondo della propria metà campo. L'arbitro emette un fischio ed inizia il cronometraggio del game. Tutti i giocatori corrono verso la Dead Zone cercando di impossessarsi del maggior numero di palle, ne escono entro 5 secondi ed inizia immediatamente il gioco. Nessun giocatore che si trovi nella Dead Zone in questa fase del gioco può essere eliminato né può eliminare avversari, per cui ogni lancio da e verso giocatori nella Dead Zone è da considerarsi Palla neutra. Ogni successivo game inizierà con le stesse modalità con scambio del campo.

Che tipi di lancio e prese si eseguono?
Nel lancio la palla, nel momento in cui parte, è saldamente ferma nelle mani, come nella pallamano; sono vietate "schiacciate" al volo o "battute" come quelle della pallavolo. Per poter essere valido ai fini della eliminazione, l'attacco deve far sì che la palla colpisca un giocatore e non venga "bloccata" nel suo volo, e che, dopo averlo colpito, cada a terra o esca dal campo, ovvero colpisca qualsiasi altra cosa o persona e poi cada a terra o esca dal campo. Qualora il giocatore sottoposto ad attacco riesca a bloccare al volo con una o entrambe le mani la palla, ovvero dopo aver colpito lui stesso o un proprio compagno la palla venga bloccata prima che cada a terra o esca dal campo, essa si considera "Presa". Una "Presa" valida comporta l'eliminazione del giocatore che aveva portato l'attacco e contemporaneamente il salvataggio dell'eventuale giocatore della squadra opposta che può essere stato colpito prima che la palla sia bloccata. Un lancio non può essere condotto intenzionalmente verso la testa o il volto di un giocatore. Nel caso di un lancio di attacco che colpisce un giocatore in uno dei punti vietati, cioè alla testa, al volto o al collo (il cosiddetto "Colpo alla testa"), il giocatore colpito è salvo, cioè non viene eliminato. Qualora l'arbitro, a suo insindacabile giudizio, valuti che il lancio che ha colpito l'avversario in uno dei punti vietati fosse intenzionale, tale infrazione viene sanzionata con l'eliminazione del giocatore che ha effettuato l'attacco. Non è consentito a un giocatore esporsi intenzionalmente all'attacco in modo da essere colpito in un punto vietato, ovvero di andare a cercare con la testa, il volto o il collo la palla lanciata, ovvero di buttarsi volontariamente a terra allo scopo di esporsi ad un Colpo alla testa. Tale intenzionalità, è valutabile a giudizio insindacabile dell'arbitro come "Falso Colpo alla testa"; in questo caso l'attacco viene considerato valido ed il giocatore che si è fatto colpire viene eliminato. I giocatori non possono uscire dal campo di gioco, né calpestarne le rigature, per portare un attacco, ovvero per evitare di essere colpiti o per effettuare una presa valida su un attacco avversario. Un giocatore può uscire dal proprio campo di gioco solo per "recuperare" una palla uscita al termine di una azione di attacco. Durante il gioco, calpestare le linee di delimitazione del proprio campo, è considerato come uscire dal campo stesso.

Che tipo di allenamento si pratica?
Riscaldamento e simulazione di partita. Per la Nazionale pratichiamo esercizi, passaggi, tiri centralizzati.

Quali le competizioni più importanti?
Gli Europei, che hanno cadenza annuale dal 2010 e in Italia circa una ventina di tornei, di cui almeno dieci a Ravenna. Speriamo di fondare una Federazione, un primo step per la richiesta di partecipare alle Olimpiadi è già stato fatto…vedremo!

Uniformi e divieti?
Le uniformi delle squadre non devono avere parti metalliche come, ad esempio, cerniere-lampo o bottoni metallici. Ogni squadra dovrà avere maglie dello stesso colore, e diverso dalla squadra avversaria, con numeri identificativi stampati sulla schiena di una o due cifre, anche non progressivi, ognuno dei quali sarà unico nella squadra e diverso da quello dei suoi compagni. I giocatori non possono giocare scalzi, ma indossare scarpe idonee con fondo in gomma. Sono considerate scarpe idonee, le comuni calzature da tennis, ginnastica o corsa, con suola in gomma. Non sono ammesse calzature con fondo in cuoio, con fondo che riporti tacchetti in metallo, scarpe chiodate o con punte rinforzate, oppure calzature che, a giudizio dell'arbitro, possano pregiudicare l'incolumità di chi le porta e degli altri partecipanti. Non è consentito indossare in campo gioielli, monili, e orologi di alcun tipo che a giudizio dell'arbitro mettano a rischio la incolumità dei giocatori. I giocatori altresì possono indossare pantaloni lunghi o corti, senza cerniere, cinture o borchie metalliche.

Quando un giocatore viene eliminato dal campo?
1. In seguito ad un attacco che ha avuto successo. Quando un giocatore viene colpito da una palla prima che essa colpisca il terreno o un'altra struttura o superficie fissa che si trovi all'esterno del campo di gioco (es. muro perimetrale o soffitto) viene "eliminato".
2. In seguito ad un attacco che è stato bloccato (Presa). La "Presa" è l'azione con cui un giocatore blocca un attacco dell'altra squadra prima che la palla colpisca il terreno o qualsiasi altra parte che si trova all'esterno dell'area di gioco.
3. In seguito ad uscita non consentita dal proprio campo di gioco al fine di effettuare o evitare un attacco, ovvero di effettuare una presa valida su un attacco avversario.
4. In seguito ad abbigliamento pericoloso per l'incolumità.
5. Per comportamento scorretto o violento.
6. Per manifesta incapacità. Qualora, secondo il giudizio dell'arbitro, il giocatore mostri segni di squilibrio psichico o di menomazione fisica che possa comportare il rischio potenziale di un danno a sé stesso o agli altri giocatori che prendono parte all'incontro, viene allontanato definitivamente dall'area di gioco e può sostare nell'area riservata al pubblico. La squadra lo può sostituire con un giocatore di riserva se è disponibile.
Ogni giocatore ha 5 secondi per portare un attacco alla squadra avversaria dopo aver guadagnato o riconquistato il possesso della palla. Se il giocatore mantiene il possesso della palla più a lungo di 5 secondi, l'arbitro ferma il gioco con un fischio chiamando i "Cinque secondi"; in questo caso il gioco viene interrotto ed il giocatore dovrà consegnare la palla alla squadra avversaria con un tiro di rotolamento della stessa a terra.

La regola del Time Out
Il Time Out è una temporanea sospensione del game, della durata di 30 secondi, richiesta direttamente dalle squadre allo scopo di poter concordare una strategia, poter riposare o bere. Ogni squadra non può chiamare più di un Time Out per game. Per poter chiamare il Time Out la squadra deve avere in campo almeno 2 giocatori non eliminati e un giocatore in campo deve chiederlo verbalmente all'arbitro. L'intervallo tra un game e l'altro dura 3 minuti. I giocatori dovranno cambiare campo e prendere posizione senza ritardo. Durante questo intervallo possono essere effettuate le sostituzioni ed i giocatori possono avvicinarsi alla panchina per poter bere o riposare. Il gioco deve essere sempre continuo e senza interruzioni. I giocatori devono essere così auto-disciplinati da non richiedere la necessità, in caso di infrazione, della interruzione del gioco da parte dell'arbitro con un fischio per consentire di sanare tale infrazione. Le sostituzioni possono essere effettuate solo durante i Time Out o negli intervalli tra un game e l'altro, sotto il controllo dell'arbitro. Sono ammesse al massimo 4 sostituzioni per ogni squadra e per ogni game. Un giocatore che è stato sostituito, non può a sua volta rientrare in campo e sostituire altri giocatori per quel game.
Un game termina quando:
a. tutti i giocatori di una squadra sono stati eliminati su azioni di attacco o per sanzioni da parte dell'arbitro
b. scade il tempo di durata del game
c. viene sancito il forfait del game a carico di una squadra
Vince il game la squadra che ha il maggior numero dei giocatori in campo al termine dello stesso Se entrambe le squadre hanno lo stesso numero di giocatori in campo alla fine del game, il game verrà proseguito per un tempo supplementare di 3 minuti senza neppure interrompere il gioco. Non c'è limite al numero di tempi supplementari che si possono giocare.

Il principio del "Fair Play"?
I giocatori devono osservare il più alto livello possibile di sportività, o "Fair Play", e devono prontamente uscire dal campo quando vengono colpiti. Una eliminazione non vista da parte dell'arbitro non toglie l'obbligo morale di un giocatore colpito, di uscire dal campo spontaneamente. Le decisioni e le interpretazioni del regolamento da parte dell'Arbitro o dei Giudici di linea non possono essere messe in discussione. All'inizio e alla fine del match i giocatori di entrambe le squadre, si recheranno nella zona centrale del campo per stringersi reciprocamente la mano. Al termine del match i giocatori e gli allenatori di entrambe le squadre andranno a stringere la mano all'arbitro ed agli eventuali Giudici di linea.

news  |  ricette  |  sport  |  benessere
condizioni di utilizzo  |     |  le tue idee  |  segnala ad un amico  |  registrati  |  contattaci  |  concorsi
Testata Registrata presso il Tribunale di Bologna. Registrazione numero 8253 del 5 luglio 2012 - Direttore Responsabile: Erika Bertossi
© 2017 - Hero Italia S.p.A. - P.IVA 00226750230